Home > News > Italy: Sergio Mattarella attends bicentenary celebration

 



Wherever you go

Rule of Life of the Marist Brothers


 



NewsChoose

  • News
  • 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007 | 2006 | 2005 | 2004
  • Most popular | Statistics
  • Calendar
  • The latest news

 


Social networking

Marist Brothers

RSS YouTube FaceBook Twitter

 

Today's picture

Fiji: 3rd Chapter of the District of the Pacific

Marist Brothers - Archive of pictures

Archive of pictures

 

Latest updates

 


Calls of the XXII General Chapter



FMSI


Archive of updates

 

Marist Calendar

13 December

Saint Lucy

Marist Calendar - December

President of Italy thanks Marists for “preparing one for life”

 

Archive

Sergio Mattarella attends bicentenary celebration

06/02/2017: Italy

During an Institute’s bicentenary celebration, promoted by former Italian Marist students that took place at the San Leone Magno Institute in Rome, Italian president Sergio Mattarella and ex-student of the same school thanked Marists for having helped him prepare for life.

 “Aside from educating, transmitting knowledge and culture, this school and all Marist schools transmit the meaning of life, the preparation for facing growth, the joys, sorrows and difficulties of life and it is something that remains unchanged,” he told the other participants on Jan. 29. 

“With the time that passes by, with the seasons that change, there is something that remains intact, which goes beyond time and will continue to go beyond it (which is) the meaning of life, transmitted by the teaching of the Marists,” the president affirmed. 

He thanked them for “for what they do, for these two hundred years of long itinerary” and for “what they are doing in our country.”

Superior general Brother Emili Turú, general councillor Brother Antonio Ramalho were among the participants, as well as guests from Mondovi, Carmagnola, Genoa, Milan, Viterbo, Manziana, Naples and Sicily.

During the encounter, five former students of Marist schools from Rome, Taormina, Giugliano, Genoa and Cesano Maderno (MB) gave their testimony, explaining how Marist teachings had influenced their life choices.

Mass was then presided by Father Carlo Molari who has celebrated Sunday Mass at the school for many years. The Institute's director, Brother Daniele Pardo, then invited the President to speak on the stage.

 

Below, is a text written by Br Antonio Sancamillo, in Italian, with further details of the event.

 

LA VERA VITA MARISTA E’ NEI CUORI E NELLE MANI
LA CELEBRAZIONE DELL’EDUCAZIONE MARISTA

29 gennaio, San Leone Magno di Roma. 

Ex alunni in festa per i 200 anni della fondazione dell’Istituto, Aula magna piena, personaggi illustri fra I tanti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e il Superiore Generale dei Fratelli, fr. Emili Turu, ispiratore delle novità e nuove sfide che l’Istituto sta già vivendo e che fanno da sfondo a quanto è stato raccontato. 

Cinque testimonianze legate da un filo unico, la fecondità dell’educazione marista, ci hanno presentato una storia piena di vita.

Da Roma: “Coraggio, ne avrai bisogno”. Queste parole lanciate lì, sono state il sostegno nella mia vita fino ad ora. Ho avuto prima Fratelli miei educatori, ho avuto dopo fratelli parteners nel progetto educativo dei miei figli, un continuum di vita. L’impronta lasciatami si è trasformata in etica professionale e disponibilità nel mio lavoro, ed è stato necessario molto ‘coraggio’. 

Attività di solidarietà mariste a Giugliano: ottobre missionario, torte, raccolta fondi … no, non mi bastano, voglio andare là dove essi vivono, calpestare i loro cortili polverosi, 

… Per lavorare ed evangelizzare il mondo degli ultimi, delle periferie, serve anche molta competenza … imparando le lingue, le frontiere si sono allargate ed io ho potuto percorrerle.

 … Ma non basta, puoi camminare quanto vuoi, ma hai sempre bisogno di riferimenti. Quando non sapevo dove andare ho cercato una comunità marista e la comunità marista è accoglienza, è casa, è famiglia … la comunità marista è mariana ed è questo un tratto fondamentale della mia vita trasmessomi nella scuola dei fratelli.  

A me la scuola Champagnat di Genova mi ha educato facendomi fare anche l’educatore di periferia  … ma dopo è stata la sofferenza fisica che mi ha segnato. 

Con i pellegrinaggi a Lourdes come barelliere ho ritrovato la preghiera, lì ho scoperto che è Lei che ci aiuta a guardare l’altro con gli occhi di Dio, a noi non resta che condividere e testimoniare quella spiritualità mariana che è l’anima dell’essere marista, consegnata a scuola ma riscoperta a Lourdes. Non aver timore di viaggiare con la presenza fisica di Maria, avendo sempre in tasca e nelle mani il Rosario. 

Dalla mia scuola di Cesano due sono le parole che mi porto dietro: Corresponsabilità e Provvidenza.

Nella vita la responsabilità l’ho condivisa, vivendo al meglio prima il mio impegno di giovane nei tanti campi formativi con i Fratelli, poi nella formazione professionale ed ora come padre;  come avvocato non devo mai abdicare alla coerenza nel lavoro vivendo l’etica cristiana, di competenza e giustizia. C’è poi un’altra parola, la Provvidenza. Sono vissuto in un ambiente familiare dove la Provvidenza nei confronti dei più disagiati l’ho toccata con mano nel vedere l’impegno di mia madre verso i più disagiati insieme con i Fratelli. 

Io non vengo dal mondo scolastico marista, ci sono entrata come docente, nella scuola di Taormina ma sono stata profondamente segnata dalla spiritualità e dalla pedagogia marista  … pedagogia della presenza in tutte le sue sfaccettature.  Ecco, oggi ci siamo anche noi che non abbiamo più una casa marista di riferimento nostra, …  ma abbiamo appreso insieme a voi e da voi, … siamo noi pietre vive. 

Oggi ci sentiamo pietre mariste che costruiscono altrove nella professione educativa e nella solidarietà, ben sapendo quanto diceva S. Marcellino: ‘Se il Signore non costruisce la casa …’

Operiamo in una realtà non gestita dai Maristi, ma insieme ad altri formatisi nelle scuole mariste, posso affermare che operiamo da maristi. L’operare è complesso, difficile, ma facciamo in modo che venga portato avanti un messaggio senza che si percepisca da dove arrivi… incarnando un carisma che sentiamo nell’intimo … facendoci accompagnatori dei giovani i quali ci chiedono ascolto più che consigli o percorsi: ‘Educare è opera del cuore’ (S. M. Champagnat)

Tutto ritengo dono e tutto per me è stato dono.

La speranza di oggi?  La consapevolezza che ancora sui prati dell’opera marista sparsa per il mondo si dipani quel profumo di violette … attenzione,  accoglienza, gentilezza, presenza, dialogo che abbiamo respirato… grazie alla cooperazione autentica e vera di fratelli e laici. Noi i 200 anni e oltre li porteremo avanti.

Dall’altare poi è stato dato un riconoscimento bello e autentico ai Fratelli.

I Maristi hanno una vocazione ecclesiale … formare e consegnare al laicato la loro vera responsabilità nella società, sia come credenti, sempre dono di Dio, sia come persone competenti, accoglienti, oneste e responsabili. Ed in questo i Maristi sono sempre stati fedeli.

Nel suo breve ed inatteso intervento il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha detto: “I Fratelli Maristi ci hanno dato gli elementi del senso della vita: la preparazione per affrontarne lo sviluppo, le gioie e le sofferenze, le difficoltà e i suoi grandi bei momenti e accanto tutto questo  la trasmissione di conoscenze e di cultura. E di questo oltre 50 anni fa ho ringraziato il SLM a nome dei miei compagni dopo la maturità e sempre di questo posso rinnovare il ringraziamento ai Maristi tutti  per quanto hanno fatto in questi 200 anni e per quel che fanno nel mondo e nel nostro paese.  Concludo dicendo ‘per me personalmente questo qui al SLM oggi, insieme a tutti voi è un bel momento, grazie e auguri’

Più che la “scienza”, i nostri educatori ci hanno consegnato una “coscienza”, sulla vita da affrontare che ognuno poi nel suo percorso porta avanti. 

200 anni, una storia da raccontare, ma soprattutto donata ai cuori di migliaia di persone, uomini e donne, …

Un nuovo Inizio, non da sognare, ma già dentro ed in fieri nelle testimonianze ascoltate   

E  per chiudere non si può non mettere in rilievo sia la presenza di un folto gruppo di bambini che ha reso l’incontro estremamente gioioso: essi nella loro fanciullezza si sono resi protagonisti con il loro parlottare innocente e con la richiesta frettolosa e caotica ma per nulla impacciata, dell’autografo al Presidente; 

sia la presenza del fratello marista più anziano della Comunità del SLM, direttore didattico del giovanissimo Mattarella, fr. Barnaba, omaggiato dal Presidente in modo molto affettuoso, ricordando sicuramente i tempi della fanciullezza/giovinezza vissuti insieme.   

Tutti sono usciti con il cuore gonfio di emozioni belle e vitali.

Fr. Antonio Sancamillo

4443 visits